Salta al contenuto

Mese: novembre 2019

La settimana per la riduzione dei rifiuti (SEER)

Il mondo si sta lentamente distruggendo tra le nostre mani e le persone si stanno, anche se lentamente, rendendo conto della situazione, ma cosa stanno facendo di concreto?

Dal 16 al 24 novembre si è tenuta l’undicesima edizione della settimana europea per la riduzione dei rifiuti (SEER)

Di cosa si tratta? 
La SEER consiste in una campagna ambientale che si è posta come obiettivo rendere il maggior numero di cittadini possibile consapevoli della quantità di rifiuti che viene prodotta ogni giorno, della fine che fanno e sulle possibili azioni che ognuno può fare per ridurne il numero.
Oltre ai cittadini vuole sensibilizzare le industrie e le imprese riguardo alle loro ingenti produzioni di rifiuti.
Le azioni che saranno ritenute le migliori verranno poi premiate alla cerimonia europea per la riduzione dei rifiuti a Bruxelles.

Come principio fondamentale alla base di questa organizzazione c’è la regola delle “3 R” :

Reduce (ridurre)
Reuse (riusare)
Recycle (riciclare)

La prima tappa fondamentale è quindi quella di ridurre i rifiuti, principale tema affrontato dalla SEER, perché riducendoli ne avremmo di meno e sarà più facile gestirli e magari riusarli o riciclarli, se possibile (seconda e terza tappa).

Il contributo del Berti

Anche il Berti, che da sempre ha avuto un occhio per l’ambiente, ha partecipato a questa settimana, ad esempio mettendo in ogni classe il cestino per la plastica oppure sostituendo la campanelle dell’intervallo con la canzone delle “3R” di Jack Johnson.

Alcuni consigli utili

Alcuni consigli utili per ridurre i rifiuti possono essere:
-non usare oggetti “usa e getta”
-usare prodotti con meno imballaggi
-portare vestiti che non si utilizzano ad associazioni che li distribuiranno ai bisognosi

Quante differenze ci possono essere tra l’Italia e gli Stati Uniti?

La risposta alla domanda precedente è TANTE.

Per chi non lo sapesse, quest’anno sono un’exchange student negli Stati Uniti d’America e dopo quasi tre mesi  di vita americana posso iniziare ad elencarvi le differenze più grandi tra la nostra magica Italia e i fin troppo grandi Stati Uniti.