Salta al contenuto

Perchè dovresti passare del tempo con te stesso? – NYT

-Non confondere la solitudine con il passare del tempo con te stesso (Don’t confuse loneliness with time by yourself)

Ormai tutti lo sappiamo: dobbiamo restare a casa, sia per noi stessi ma anche per le persone più vulnerabili al virus, virus che ha fermato l’Italia e rischia di bloccare il mondo. In questo periodo si può vedere come sia possibile restare in contatto con amici e parenti nonostante tutto, attraverso messaggi e app per videochiamare. Oppure si possono trovare liste di cose da fare per passare la giornata occupando la mente, come guardare film, serie tv o leggere un libro. 

Ma io oggi voglio andare controcorrente, infatti alla ricerca di un articolo da tradurre mi sono imbattuta in un pezzo pubblicato alla fine di Ottobre del 2019 sul perché dovremmo passare del tempo con la sola compagnia di noi stessi. 

Quindi al posto di proporvi nuovi modi per avere una vita sociale o di passare il tempo cercando di non pensare cercherò di convincervi della possibilità che ci offre questo difficile periodo. Un’opportunità che non è facile avere nelle nostre vite quotidiane caratterizzate da sempre più impegni e cose da fare. 

Adesso abbiamo l’occasione di stare in casa, non dobbiamo correre da una parte all’altra della città o da un amico all’altro, possiamo sederci tranquillamente sul nostro divano senza la paura costante di arrivare in ritardo o di scordarci qualcosa. 

Possiamo permetterci il tanto famoso respiro di sollievo, e alloro io dico sfruttiamo questa possibilità fino in fondo.

Senza altre troppe parole vi lascio all’articolo del Times e vi auguro buona lettura.  

   ______________________________________________________________

Essere soli fa male: può anche avere un impatto negativo sulla tua salute. Ma il semplice atto di essere soli con se stessi non deve essere un male, e gli esperti affermano che può persino giovare alle relazioni sociali, migliorare la creatività, la fiducia e aiutarti a regolare le emozioni in modo da poter affrontare meglio le situazioni avverse.

“Non è che la solitudine sia sempre buona, ma può essere buona se sei aperto a rifiutare l’idea – comune in Occidente – che il tempo da solo è sempre un’esperienza negativa in cui sei costretto”. È questo il pensiero di Thuy- Vy Nguyen, un assistente professore nel dipartimento di psicologia della Durham University, che studia la solitudine.

“Abbiamo alcune prove per dimostrare che prendere in considerazione la solitudine non danneggia davvero la tua vita sociale, in effetti, potrebbe aggiungere qualcosa ad essa”, ha detto, sottolineando che poiché la solitudine ci aiuta a regolare le nostre emozioni, può avere un effetto calmante che ci prepara a interagire meglio con gli altri.

Scegliere di trascorrere del tempo facendo cose da soli può avere benefici mentali, emotivi e sociali, ma la chiave per raccogliere quei frutti positivi deriva dalla scelta di passare il tempo da soli. In una cultura in cui spesso confondiamo l’essere soli per la solitudine, la capacità di apprezzare il tempo da soli ci impedisce di elaborare l’esperienza come una cosa negativa. In effetti, saper identificare i momenti in cui abbiamo bisogno di solitudine per ricaricarci e riflettere può aiutarci a gestire meglio le emozioni e le esperienze negative, come lo stress ha affermato Emily Roberts, una psicoterapeuta.

Il bonus aggiuntivo? Iniziare è facile – tutto ciò che serve è se stessi.

Perché è difficile passare il tempo da soli

“Storicamente, la solitudine ha avuto una brutta reputazione” perché a volte veniva e viene ancora adesso utilizzata come una forma di punizione, ha affermato Robert Coplan, psicologo dello sviluppo e professore di psicologia alla Carleton University.

Il problema è che dimentichiamo che anche la solitudine può essere una scelta, e non deve essere a tempo pieno. Poiché ci sono così tante ricerche che dimostrano che gli esseri umani sono creature sociali che traggono beneficio dall’interazione con gli altri, “le persone proveranno a respingere che è anche importante trascorrere del tempo da soli”, ha detto. “È difficile per loro immaginare di poter avere entrambi.”

“Alcune persone fanno la loro esperienza di solitudine interamente su altre persone” (some people make their solitude experience entirely about other people – scusate ma non sapevo bene come tradurre questa frase) , ha aggiunto il Dr. Nguyen. 

La ricerca ha dimostrato che le persone spesso si sentono inibite dal godersi le attività da sole, specialmente quando pensano che gli altri le stiano guardando. La sopravvalutazione di quante altre persone ci stanno prestando attenzione e la preoccupazione di essere giudicati può impedirci di fare cose che altrimenti ci renderebbero felici.

Essere soli con i propri pensieri, darsi uno spazio e un tempo non strutturato per far vagare la mente senza distrazioni sociali, a volte può anche apparire terrificante, ha detto Angela Grice, una logopedista che ha condotto ricerche sulle funzioni esecutive e neuroscienze dell’Università di Howard e il Neurocognition of Language Lab della Columbia University.

“Ci sono stati studi che mostrano che quando siamo da soli, ciò che è scomodo è la mancanza di stimoli, che non puoi fare affidamento su altre persone per modellare la tua esperienza in un certo modo”, ha detto il Dr. Nguyen.

La nostra avversione all’essere soli può essere piuttosto drastica: un quarto delle donne e i due terzi degli uomini in uno studio dell’Università della Virginia hanno scelto di sottoporsi a una scossa elettrica piuttosto che non fare nulla e passare il tempo da soli con i loro pensieri.

Perché è bello passare del tempo da soli

Un sondaggio online chiamato The Rest Test ha mostrato che la maggior parte delle attività che le persone definiscono più riposanti sono cose che vengono fatte da soli.

Nonostante lo stigma sociale e l’apprensione nel passare il tempo da soli, è qualcosa che i nostri corpi bramano. Simile a come la solitudine (lonelinnes) descriva essere soli e desiderare compagnia, la “solitudine” (alonelinnes) può essere usata per descrivere il naturale desiderio di solitudine, ha affermato il dottor Coplan. (In italiano non esiste un termine con il quale si possa tradurre “alonelinnes”).

Dal momento che non siamo abituati a etichettare quel sentimento, può essere facilmente confuso e alimentato con altri sentimenti come ansia, stanchezza e stress, soprattutto perché “potremmo non sapere che il tempo da soli è ciò di cui abbiamo bisogno per sentirci meglio “, ha aggiunto il dottor Coplan.

Godere dei benefici del trascorrere del tempo con sé stessi non è una questione di essere un introverso o estroverso, ha detto il Dr. Nguyen. Più coerentemente infatti, le persone che apprezzano la solitudine e che tendono a non ignorare i propri desideri nella ricerca di piacere agli altri troveranno il tempo trascorso in solitudine più piacevole, ha affermato. 

La libertà di non dover seguire l’esempio degli altri, senza “nessuna pressione per fare qualcosa, nessuna imposizione per parlare con nessuno, nessun obbligo di fare piani con altre persone” è un ottimo modo per elaborare i propri pensieri, emozioni e rilassarsi; anche per individui altamente sociali, ha detto la Roberts.

Ci aiuta anche a scoprire nuovi interessi e idee senza doversi preoccupare delle opinioni degli altri: uno studio ha persino dimostrato che gli adolescenti sono meno meno a disagio quando sono soli.

“Coltivare questo senso di essere soli e fare la scelta di essere soli può aiutarti a sviluppare chi sei, il tuo senso di sé e quali sono i tuoi veri interessi”, ha detto il dott. Grice. 

Conoscere se stessi rende più facile trovare altre persone che condividono le tue passioni e può migliorare la tua empatia. Può anche aiutarti a rivalutare le amicizie “riempitive”: relazioni che intrattieni perché preferisci fare qualsiasi cosa il venerdì sera oltre a stare a casa da solo, anche a costo di passare del tempo con persone la cui compagnia non ti piace .

Il tempo con i tuoi pensieri senza distrazioni sociali può anche essere tonificante, può aiutare a  costruire la propria fiducia e rendere più facile per te mantenere i confini, ha affermato Roberts. Inoltre, può aumentare la produttività, l’impegno con gli altri e la creatività, e uno studio pubblicato su Current Directions in Psychological Science ha scoperto che il brainstorming è stato migliorato quando i partecipanti si sono alternati tra il brainstorming da solo e con un gruppo.

Come farlo

In una svolta alla regola d’oro: trattati come tratteresti gli altri. Non sfaldarti. Sii aperto all’esplorazione di nuovi interessi. Fai spazio nella tua vita e dedica tempo, anche passando solo 30 minuti in una settimana a leggere in un bar.

Se hai appena iniziato, “fai piccoli passi”, suggerisce il dottor Grice. Il tempo trascorso da soli è una grande opportunità per esplorare nuovi interessi, ma non significa che devi spingerti completamente fuori dalla tua zona di comfort. E se il pensiero di passare il tempo da solo è particolarmente stressante o scatena forti emozioni, potrebbe essere un segnale importante che potresti aver bisogno di supporto professionale, aggiunge il dottore.

Ma se non sai come iniziare, “pianifica qualcosa che sai che ti piacerà fare, forse qualcosa che ti aiuti a sentirti più produttivo o più rilassato”, ha detto il Dr. Nguyen.

Se stai avendo particolare difficoltà ad ascoltare i pensieri dentro la tua testa, il journaling può essere un ottimo modo per elaborare e valutare quelle emozioni, ha detto Roberts. E sebbene sia allettante, “cerca di non stare al telefono, perché è una distrazione troppo grande”. 

50 Ways to Spend Time Alone – clicca qui

Invece, il dottor Coplan suggerisce di leggere, fare attività manuali, andare al cinema, visitare un parco, provare a imparare una nuova abilità o una qualsiasi delle infinite opzioni disponibili oltre a ad essere con altre persone e controllare ossessivamente i social media.

Alla fine, ogni persona avrà un diverso equilibrio ideale tra quanto tempo trascorrere da soli e con gli altri, ma “nessuno starà mai bene facendo solo l’uno o l’altro”, ha detto.

Soprattutto, il passo più importante per riuscire a raccogliere i benefici del tempo da soli è semplice, il dott. Nguyen ha dichiarato: “Cogli l’opportunità di dire: ‘Questo è il momento in cui posso dare qualcosa a me stesso’ e solo sostenendo questo, in quel momento, sarai la tua prima scelta.”

Come ho già scritto prima, questo è un articolo tratto dal New York Times e spero che leggerlo vi abbia trasmesso qualcosa o almeno fatto riflettere, vi lascio qui sotto il link all’articolo in inglese e altri video sull’argomento.

Articolo in lingua originale

Published inBENESSERE

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *